Mobility / Segnalazione / riferimenti utili

Archidiversity: da Milano parte la progettazione attenta alle diversità

Creato il: 24/02/2016
Creato Da: serviziosostenibilita@polimi.it
Diffondere una nuova cultura del design e del progetto attenta alle diversità motorie e cognitive grazie all’ideazione di oggetti, servizi e architetture inclusive, innovative e fruibili da tutti. Questo l’obiettivo di Archidiversity.it il primo web site rivolto a architetti e designer per favorire il confronto sulle tematiche del Design. Il progetto, patrocinato dal Comune di Milano, è stato presentato oggi a Palazzo Marino, dall’assessore alle Politiche per il Lavoro, Moda e Design Cristina Tajani con gli ideatori Giulio Ceppi, Luigi Bandini Buti e Rodrigo Rodriquez. “Con Archidiversity l’Amministrazione è vicina a tutti quei creativi che sviluppano l’architettura e il design nel rispetto e nell’attenzione alle esigenze di tutti i cittadini. Un nuovo concetto di architettura senza barriere e fruibile da tutti che esce dai confini nazionali per aprirsi al mondo ponendo Milano al centro dei nuovi modelli architettonici che si stanno delineando nel panorama internazionale”. ha affermato l’assessore Tajani. A dare origine a Archidiversity, condividendo progetti e riflessioni creando la prima web community nazionale, nove tra i principali studi d’eccellenza milanesi: Stefano Boeri Architetti, - Giulio Ceppi/Total Tool, Antonio Citterio Patricia Viel Interiors, Michele De Lucchi/aMDL, OBR Paolo Brescia e Tommaso Principi, PARK Associati, Progetto CMR Massimo Roj Architects, Studio di architettura Luca Scacchetti, Matteo Thun e Luca Colombo. “I nove progetti selezionati - commenta Luigi Bandini Buti, autorevole esperto di Design for All - possono e devono confermare l’idea che progettare per tutti non rappresenta una limitazione alla creatività, ma anzi la stimola attraverso nuove sfide. Bisogna anche tener presente che, come oggi non è più possibile pensare ad architetture che non tengano conto dei risvolti energetici ed ecologici, altrettanto non sarà più possibile rinunciare all’opzione forte dell’accessibilità fisica, percettiva e culturale per tutti, che diverrà un must”. Archidiversity.it, on line dal mese di dicembre 2015, racconta tramite video e documenti di lavoro, il work in progress dei progetti in fase di realizzazione dei nove studi coinvolti, oltre a presentare interviste a tutti i partecipanti ed illustrare tramite disegni e testi i principi del Design For All in fase di applicazione. 24.02.2016
Allegati

Non ci sono allegati